Anti-Gravity Treadmill: il tapis roulant anti-gravità.

6624

Un treadmill (tapis roulant) è un dispositivo generalmente utilizzato per camminare o correre restando nello stesso posto. Il tapis roulant nasce come meccanismo di accumulo energetico (una sorta di generatore, per mulini o altro) per poi trasformarsi in uno strumento di esercitazione e rinforzo fisico.

Nel 2008, la Food and Drug Administration (FDA) ha autorizzato l’Anti-Gravity Treadmill,  il tapis roulant anti-gravità, che all’epoca si faceva chiamare G-Trainer, come un dispositivo medico applicabile per impieghi in riabilitazione. Da allora è stato utilizzato per la riabilitazione degli arti inferiori per esiti di lesioni o interventi chirurgici, per il condizionamento aerobico, il controllo del peso, la rieducazione alla deambulazione per le condizioni neurologiche, il rafforzamento e il mantenimento della condizione fisica degli anziani.

Esistono recenti studi che si occupano di valutare l’efficacia del dispositivo. In particolare, uno studio che si occupa di pazienti con distrofia muscolare; uno studio che si occupa di riabilitazione precoce post-operatoria.

Nel primo studio preso in esame, gli autori hanno valutato gli effetti funzionali di un allenamento aerobico e di rinforzo combinato, nei pazienti con Becker e distrofia muscolare con livelli di forza muscolare del ginocchio inferiori (oltre il 3%) della forza normale. Otto pazienti hanno effettuato un allenamento aerobico e di forza su un tapis roulant anti-gravità per un periodo di 10 settimane. Questo approccio ha offerto un sostegno (fino all’80%) al loro peso corporeo. Sono stati valutati nell’esame: la distanza percorsa a piedi in sei minuti, l’equilibrio posturale dinamico, e la creatin-chinasi nel plasma. Tre valutazione in totale: 10 settimane prima del trattamento, subito prima dell’allenamento e dopo 10 settimane di allenamento. L’approccio anti-gravitazionale ha suscitato un miglioramento della distanza a piedi di un 8 ± 2% e l’equilibrio posturale dinamico di un 13 ± 4%, indicando un miglioramento della funzionalità fisica. La Creatin-chinasi plasmatica è rimasta invariata. Questi risultati forniscono la prova che una combinazione di allenamento aerobico e di rinforzo su un tapis roulant antigravità ha la potenzialità di migliorare in modo sicuro la capacità funzionale e l’equilibrio posturale, in pazienti gravemente colpiti dalla sindrome di Becker e in generale da distrofia muscolare dei cingoli.

English Abstract 1

Partendo dal presupposto che il sistema anti-gravitazionale è efficace nel ridurre le forze di carico sul ginocchio, questo secondo studio è stato effettuato in una camera che garantiva una pressione positiva nella parte inferiore del corpo (LBPP), con un tapis roulant. L’abbinamento di questi due fattori permette un significativo peso corporeo, soprattutto a livello degli arti inferiori, avendo il potenziale di migliorare il recupero dopo un intervento chirurgico agli arti inferiori. Lo studio ha determinato l’efficacia di un tapis roulant in una LBPP nel ridurre le forze di carico del ginocchio in vivo. I soggetti, valutati con elettrodi personalizzati elettronici per misurare le forze sul ginocchio. Le forze tibio-femorali sono state monitorate su un tapis roulant accelerato da 1,5 mph (0,67 m/s) a 4,5 mph (2,01 m/s), inclinato da -10 ° a + 10 °, e con quattro impostazioni di pressione differenti della LBPP dal 100% al 25% del peso corporeo del soggetto. Il picco di forza assiale tibio-femorale variava da 5,1 volte del peso corporeo ad una velocità di 4,5 mph (2,01 m/s) ed una regolazione della pressione di 100% a 0,8 volte del peso corporeo ad una velocità di 1.5 mph (0,67 m/s) ed una regolazione della pressione del 25 % della LBPP. Gli autori di questo studio suggeriscono che il tapis roulant in una LBPP potrebbe essere uno strumento efficace nella riabilitazione dei pazienti sottoposti a chirurgia degli arti inferiori. L’importante correlazione tra la forza tibio-femorale e la velocità del tapis roulant permette di raggiungere più velocemente l’obiettivo di recuperare la forza dei muscoli del ginocchio durante la riabilitazione precoce, senza gravare sull’articolazione.

English Abstract 2

Full English Version PDF 2

Potrebbe interessarti: 

  1. Il dolore retro-trocanterico come sciatalgia: concetto attuale.
  2. Gestione della fascite plantare in ambito ambulatoriale.
  3. Talalgia: fascite plantare.
  4. Ultimi articoli

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here