L’incidenza di lombalgia dopo discectomia per ernia del disco lombare e il suo effetto sugli outcomes dei pazienti operati.

5351
Il mal di schiena post-discectomia conseguente alla malattia degenerativa del disco è un disturbo ben riconosciuto; tuttavia, le sue caratterizzazioni e quantificazioni centrate sul paziente sono carenti.
Nello studio preso in esame è stata eseguita una revisione sistematica della letteratura e uno studio prospettico longitudinale per determinare la frequenza del mal di schiena ricorrente dopo discectomia e quantificarne il suo effetto sui risultati riferiti dai pazienti (OPR).
Una ricerca MEDLINE è stata effettuata per identificare studi che riportassero la frequenza di mal di schiena ricorrente, nello stesso livello del disco erniato ripulito, e un reintervento dopo discectomia primaria lombare. Dopo aver escluso gli studi che non hanno riportato la percentuale di pazienti con mal di schiena persistente o dolore alle gambe dopo più di 6 mesi a seguito della discectomia o non riportavano il tasso dello stesso livello di ernia recidiva, sono stati inclusi nella porzione sistematica di questa revisione 90 studi, che complessivamente avevano valutato 21.180 pazienti.
Per lo studio longitudinale, tutti i pazienti sottoposti a discectomia primaria lombare tra ottobre 2010 e marzo 2013 sono stati arruolati nel registro prospettico di questo studio della colonna vertebrale. 115 pazienti sono stati valutati a più di 12 mesi dalla chirurgia, 103 (90%) dei quali erano disponibili per 1 anno di valutazione dei risultati. Gli OPR sono stati valutati in modo prospettico a 3 mesi, 1 anno e 2 anni. La scala di disabilità utilizzata per classificare il mal di schiena ricorrente era la Numeric Rating Scale Back Pain [NRS-BP] e la Oswestry Disability Index [ODI].
La proporzione di pazienti che hanno riportato il mal di schiena a breve termine (6-24 mesi) e lungo termine (> 24 mesi) variava rispettivamente dal 3% al 34% e dal 5% al ​​36%. L’incidenza della recidiva dell’ernia del disco a 2 anni variava dallo 0% al 23% e la frequenza di reintervento variava dallo 0% al 13%.
Ad 1 anno e 2 anni di follow-up, rispettivamente il 22% e il 26% dei pazienti hanno riportato un peggioramento della lombalgia (NRS: 5.3 ± 2.5 vs 2.7 ± 2.8) o disabilità (ODI%: 32 ± 18 vs 21 ± 18) rispetto ai 3 mesi.
In conclusione, gli autori suggeriscono che la frequenza dello stesso livello di ernia del disco che richiede un reintervento è stata del 6%. La lombalgia ricorrente a due anni di distanza dall’intervento può verificarsi dal 15% al ​​25% dei pazienti a seconda del livello di dolore ricorrente considerato clinicamente importante, e questo porta a degli OPR peggiori a 1 e 2 anni dopo l’intervento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here