Whole body cryotherapy per prevenire e trattare il dolore muscolare ad insorgenza ritardata (D.O.M.S.) negli adulti.

3133

Il D.O.M.S. (Vedi anche questo) è un termine generico usato per descrivere il dolore, la fatica e la rigidità muscolare sperimentati dopo esercizi eccentrici ad alta intensità (quando il muscolo viene forzatamente allungato quando si contrae) (Cheung 2003; Ebbeling 1989; Howatson 2008; Newham 1987). Clinicamente associato con un danno muscolare indotto dall’esercizio fisico (E.I.M.D.), il D.O.M.S. deriva da disturbi delle meccaniche della membrana muscolare che evocano infiammazione secondaria, gonfiore e la proliferazione dei radicali liberi (Connolly 2003). Questi eventi di solito presentano un picco intorno alle 24-96 ore dopo l’esercizio (Cheung 2003) e possono ridurre la capacità fisica attraverso alterazioni della lunghezza muscolare, della forza massima e della gamma di movimento (Prasartwuth 2006; Saxton 1995). I danni alla muscolatura interessata sono legati all’espressione biochimica degli enzimi intracellulari, da modelli di reclutamento neuromuscolari compensativi che possono contribuire all’eziologia dei D.O.M.S. come fattori centrali e periferici (Byrne 2004).

I sintomi associati al D.O.M.S. tipicamente tendono a dissipare entro cinque/sette giorni dall’attività con un adeguato riposo (Cheung 2003). Tuttavia, vari interventi sono stati sostenuti per prevenire o trattare, o entrambi, gli E.I.M.D. e i D.O.M.S., tra cui il raffreddamento, lo stretching, gli integratori alimentari, i massaggi, l’idroterapia, la compressione, l’elettroterapia e i farmaci anti-infiammatori non steroidei (Bieuzen 2013; Bleakley 2012; Herbert 2011). Nonostante la popolarità diffusa di tutti questi interventi (Nédélec 2013), il supporto empirico per l’uso di queste metodiche nel trattamento dei D.O.M.S. rimane tenue (Bleakley 2012; Herbert 2011).

La whole body cryotherapy (WBC) è sempre più utilizzata in medicina dello sport come trattamento per il dolore muscolare dopo l’esercizio fisico. Questo trattamento consiste nell’esporre gli individui a temperature estremamente fredde con aria secca (sotto -100 ° C) per 2-4 minuti. Per raggiungere le temperature sottozero richieste per la WBC,  sono tipicamente utilizzati due metodi: azoto liquido e aria fredda refrigerante. Nel corso di queste esposizioni, gli individui indossano abiti minimali, che di solito consistono in pantaloncini per i maschi e pantaloncini e top per le femmine. Guanti, fascia di lana che copre le orecchie, e maschera per naso e bocca, oltre a scarpe e calzini, sono comunemente indossati per ridurre il rischio di infortuni legati al freddo.

La prima camera WBC è stato costruito in Giappone alla fine del 1970, ma in Europa non è stata introdotta fino al 1980, ed è stato utilizzata solo negli Stati Uniti e in Australia negli ultimi dieci anni (Miller 2012). Il trattamento è stato inizialmente progettato per essere utilizzato in ambito clinico per il trattamento di pazienti con patologie come la sclerosi multipla (Miller 2012) e l’artrite reumatoide (Hirvonen 2006; Metzger 2000); tuttavia, gli atleti d’elite hanno recentemente dichiarato di utilizzare il trattamento per alleviare il D.O.M.S. dopo l’esercizio (Costello 2012a; Fonda 2013; Hausswirth 2011; Pournot 2011; Ziemann 2012). La WBC è comunemente impiegata subito dopo l’attività fisica (nel raggio da 0 a 24 ore), e il trattamento è spesso ripetuto lo stesso giorno (Costello 2012a) o per più giorni (Lubkowska 2012; Ziemann 2012). Recentemente, atleti amatoriali hanno iniziato ad emulare gli atleti d’elite usando questo trattamento dopo l’esercizio fisico.

Perché questo intervento potrebbe funzionare per trattare i D.O.M.S.?

La riduzioni del tessuto muscolare e della pelle dopo l’esposizione alla temperatura in WBC (Costello 2012b, Costello 2012C, Costello 2013) possono stimolare i recettori cutanei e eccitare le fibre simpatiche adrenergiche, causando una costrizione delle arteriole e delle venule locali (Savic 2013). Di conseguenza, la WBC può essere efficace per alleviare il dolore attraverso la riduzione del metabolismo muscolare, della sensibilità dei recettori e della velocità di conduzione nervosa. Inoltre, sia Bleakley 2012 e Cochrane 2004 descrivono i potenziali benefici psicologici di utilizzare altre modalità di esposizione al freddo (ad esempio l’immersione in acqua fredda) per ridurre la sensazione soggettiva di D.O.M.S. dopo l’attività fisica.

Anche se la ricerca in esame sull’utilizzo della WBC è ad oggi limitata in termini di qualità e potenza statistica (Costello 2012a; 2012b Costello), alcuni studi hanno descritto una riduzione dell’attività di creatin-chinasi dopo l’allenamento (Wozniak 2007), aumenti di attivazione del parasimpatico (Hausswirth 2013) e un aumento di citochine anti-infiammatorie (proteine ​​che servono a regolare la risposta infiammatoria) (Lubkowska 2010; Lubkowska 2011) dopo l’esposizione alla WBC. Una riduzione della gravità del danno muscolare dopo l’esercizio e un aumento delle citochine anti-infiammatorie post-trattamento possono contribuire a ridurre sia il danno iniziale sia il danno infiammatorio secondario associata agli E.I.M.D..

Tuttavia, da una prospettiva meccanicistica, si sa molto poco circa la logica fisiologica e biochimica per l’utilizzo della WBC nella gestione del D.O.M.S.

Utilizzando l’approccio descritto da Anderson 2011, gli autori di questa recensione hanno sviluppato un modello logico per catturare la vasta gamma di potenziali effetti dell’esposizione WBC (Schema descrittivo). Questo modello è diviso in due sezioni: i benefici potenziali di recupero e i potenziali effetti avversi. Partendo da questo schema descrittivo, gli autori della suddetta recensione hanno intenzione di creare uno studio scientifico ad alta validità e da circa due anni stanno lavorando su questo quesito: “La WBC previene e tratta i D.O.M.S. ? ” anche se di fatto sanno già che la risposta sarà positiva.

Full English Version

Potrebbe interessarti: 

  1. Pubalgia atletica e riabilitazione associata.
  2. Gli effetti acuti dell’estratto di zenzero sui sintomi biochimici e funzionali del dolore muscolare ad insorgenza ritardata.
  3. D.O.M.S. e Acido Lattico
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here