Confronto tra interventi di esercizio eccentrico e concentrico in adulti con sindrome da impingement subacromiale.

2069

I ricercatori hanno dimostrato una moderata evidenza per l’uso dell’esercizio concentrico nel trattamento della sindrome da impingement subacromiale (SAIS). Prove recenti supportano anche l’esercizio eccentrico per i pazienti con tendinopatie degli arti inferiori e del polso.  Tuttavia, solo pochi ricercatori hanno esaminato gli effetti dell’esercizio eccentrico sui pazienti con tendinopatia della cuffia dei rotatori.

Lo scopo dello studio è stato quello di confrontare l’efficacia di un intervento con esercizi a resistenza progressiva (PRE) eccentrici con un intervento con PRE concentrici negli adulti con SAIS.

Trentaquattro partecipanti con SAIS sono stati randomizzati in due gruppi di esercizio: concentrico (n = 16, età media: 48,6 ± 14,6 anni) ed eccentrico (n = 18, età media: 50,1 ± 16,9 anni). Sono stati così eseguiti due programmi PRE per i muscoli della cuffia dei rotatori e per i muscoli della scapola, due volte a settimana per otto settimane. Entrambi i gruppi hanno effettuato un programma quotidiano di esercizi di stretching e di recupero del range del movimento attivo (AROM) a casa. Sono state valutate alcune misure di riferimento ( come ad esempio la DASH score, il dolore durante l’elevazione del braccio sul piano scapolare durante il movimento attivo, la forza nell’abduzione della spalla e nella rotazione esterna) prima del trattamento, dopo cinque settimane e dopo otto settimane.

Tutti i partecipanti hanno riportato significativi miglioramenti in tutte le misure di outcome dalla condizione basale alla settimana cinque. Significativi miglioramenti sono stati trovati anche di settimana in settimana dalla quinta all’ottava, per tutte le misure di outcome eccetto che nell’elevazione sul piano scapolare AROM.

In conclusione, entrambi i programmi PRE eccentrici e concentrici hanno portato ad un miglioramento della funzione, del ROM attivo e della forza nei pazienti con SAIS. Tuttavia, nessuna differenza è stata trovata tra le due modalità di esercizio, il che suggerisce che i fisioterapisti possono utilizzare gli esercizi che più ritengono opportuno utilizzare nel loro trattamento di SAIS.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. Cambiando il piano di abduzione, si influenzano i patterns di reclutamento muscolare della spalla in soggetti sani?
  2. Analisi EMG della muscolatura scapolo-omerale durante gli esercizi in rotazione esterna.
  3. L’analisi della curvatura acromiale e le sue relazioni con lo spazio sub-acromiale.
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here