Effetti limitati degli esercizi nelle persone con osteo-artrosi della mano: i risultati di un trial randomizzato controllato.

5424

OBIETTIVO:
Lo scopo dello studio è stato quello di determinare l’efficacia clinica di un programma di esercizi e di attività nelle persone con osteoartrosi della mano (OA).

DESIGN:
In questo studio randomizzato e controllato, i partecipanti con artrosi della mano sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi: il primo gruppi è stato sottoposto ad un intervento di esercizi di 12 settimane (di gruppo o a casa), il secondo gruppo ha ricevuto un trattamento di cura convenzionale. L’outcome primario ha coinvolto le prestazioni auto-riferite nelle attività della mano a 3 mesi dall’intervento fisioterapico misurate dal Functional Index for Hand Osteoarthritis (FIHOA) e da una misura di disabilità generata dal paziente, la Patient-Specific Functional Scale (PSFS).


RISULTATI:
Di 130 partecipanti randomizzati, con una media di 66 anni, campione femminile rappresentante il 90%, 120 (92%) e 119 (92%) hanno completato i due follow-up rispettivamente a 3 e a 6 mesi. La differenza media tra il gruppo dell’esercizio e il gruppo di controllo era di -0,5 punti per il punteggio FIHOA (scala da 0-30 dove 0 = bene) e 0,9 punti per la PFSF (scala da 0-10, dove 10 = bene). Piccole differenze significative medie a favore del gruppo di intervento sono state trovate per il dolore, la rigidità e l’attività di vita quotidiana della mano, mentre non sono state osservate differenze medie nei confronti della destrezza o sulla forza di presa massima della mano. Una percentuale significativamente più elevata di partecipanti del primo gruppo (46%) vs il gruppo di controllo (16%) soddisfaceva le misure di outcome del Rheumatological Clinical Trials-Osteoarthritis Research Society International (OMERACT-OARSI) a 3 mesi. Al follow-up a 6 mesi, non c’erano significative differenze tra i gruppi su qualsiasi risultato.


CONCLUSIONI:
Il programma di esercizi è stato ben tollerato dalle persone con OA della mano, ma ha determinato solo piccoli miglioramenti e benefici a breve termine sulle misure auto-riportate dai pazienti e non sulla maggior parte dei test basati sulle prestazioni. Studi futuri dovrebbero affrontare esercizi ottimali per aumentare la forza di presa e un loro giusto dosaggio.

English Abstract

Full English Version

Potrebbe interessarti: 

  1. Prevenire i dolori I-Tech: utilizza lo Smartphone saggiamente
  2. Una variante del Nervo Mediano, formato da 5 radici: case report.
  3. La tenosinovite di De Quervain: una revisione delle opzioni riabilitative.
  4. Ultimi articoli

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here