Un nuovo approccio al trattamento della fascite plantare: effetti del Primal Reflex Release Technique.

8549

CONTESTO / SCOPO:
La fascite plantare (PF), è una condizione comune che interessa gli individui fisicamente attivi, è di solito trattata con plantari, programmi di stretching della durata da due a quattro mesi, e in casi refrattari al trattamento, con interventi chirurgici. Il Primal Reflex Release Technique™ (PRRT) è stata ideata per ridurre l’eccessivo eccitamento del sistema nervoso attraverso una bassa regolazione dei riflessi primari. La tecnica è stata suggerita come un metodo nuovo di trattamento per pazienti affetti da PF. Lo scopo di questa serie di casi è stato quello di esaminare gli effetti della PRRT sui pazienti con PF.

DESCRIZIONE DEI CASI:
La tecnica è stata applicata PRRT in otto casi consecutivi di PF in soggetti fisicamente attivi. La Numeric Pain Rating Scale, la Disability in the Physically Active (DPA) Scale, e la Patient Specific Functional Scale (PSFS) sono state utilizzate per identificare il dolore riferito dal paziente e la relativa disfunzione.

RISULTATI:
Il Primal Reflex Release Technique (PRRT) è stato un trattamento della fascite plantare efficace per i soggetti con una fascite plantare acuta o cronica. L’uso del trattamento PRRT ha comportato una riduzione media del dolore, statisticamente e clinicamente significativa, della fascia plantare in tutti i soggetti nei quali era stato eseguito un singolo trattamento. Statisticamente e clinicamente significativi miglioramenti sulle funzionalità, nelle scale di misurazione utilizzate come la DPA e la PSFS, sono stati trovati anche nel corso del trattamento.

DISCUSSIONE:
In questa serie di casi, l’uso del PRRT ha prodotto cambiamenti positivi in ​​termini di miglioramento del dolore riferito e sulla disfunzione, in un tempo più breve per la risoluzione, se confrontato con i metodi tradizionali del trattamento per PF riportati in letteratura. I soggetti che si sottopongono a un trattamento per PF, sia acuta che cronica, con PRRT potrebbero riscontrare una riduzione del dolore e un miglioramento della funzione che supera ciò che si sperimenta nei tradizionali programmi di terapia conservativa in letteratura disponibile. I medici dovrebbero prendere in considerazione il modello di interdipendenza regionale al fine di identificare i sottostanti fattori correlati al momento di valutare e trattare la PF. Il sistema nervoso autonomo può giocare un ruolo nella percezione del dolore e deve essere affrontato durante il trattamento.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. L’effetto immediato del Self Myofascial Release bilaterale applicato sulla superficie plantare del piede a vantaggio dell’elasticitá degli hamstrings e della colonna lombare.
  2. Il muscolo flessore lungo dell’alluce
  3. Gestione della fascite plantare in ambito ambulatoriale.
  4. Ultimi articoli

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here