Gli effetti dell’estensione delle dita sull’attività muscolare della spalla.

4451

INTRODUZIONE

Per un’adeguata stabilità del complesso della spalla, sono obbligatori l’interazione e l’equilibrio statico-dinamico tra le varie articolazioni e muscoli intorno alla spalla stessa. Le articolazioni scapolo-toraciche aumentano la gamma di movimento degli arti superiori e forniscono stabilità per il movimento del braccio. Per questo motivo, alcuni medici hanno proposto che i pazienti con una postura scapolare protratta necessitano di adeguati esercizi di retrazione scapolare. I divaricatori delle articolazioni scapolo-toraciche, ovvero i muscoli bersaglio di tali esercizi, sono composti dal fascio  centrale del trapezio, dai romboidi, e dal fascio inferiore del trapezio. Inoltre, l’articolazione gleno-omerale consente un alto grado di movimento agli arti superiori e ha quindi la possibilità di subire vari e potenziali danni. Pertanto, la maggior parte degli esercizi ideati per prevenire e curare le lesioni della spalla prendono in considerazione il rafforzamento dei muscoli della cuffia dei rotatori (RC). In particolare, il muscolo infraspinato (IS), uno dei muscoli della RC, stabilizza le articolazioni della spalla durante la rotazione esterna e agisce come il primo motore del movimento.

Sono state eseguite molte ricerche su esercizi e approcci terapeutici efficaci per la stabilizzazione della spalla. Lee et al. hanno riferito che durante un esercizio push-up, la posizione neutra, la posizione di rotazione interna, e la posizione di rotazione esterna della mano influenzano diversamente la stabilizzazione della scapolo-toracica e il push-up più la rotazione esterna era maggiormente efficace per il rafforzamento del muscolo dentato anteriore. Jang e Oh hanno verificato i cambiamenti nei rapporti di attività muscolare del IS e del muscolo deltoide posteriore durante l’esecuzione della rotazione esterna della spalla, in base alla flessione della spalla a 45°, 90° e 135°.

Molti studi hanno verificato gli effetti delle variazioni posturali delle articolazioni della spalla, le differenze nella base di supporto e i cambiamenti negli angoli degli arti superiori sulla stabilità articolare della spalla o i cambiamenti dell’attività muscolare. Tuttavia, in campo clinico, diversi protocolli riabilitativi sulle spalle e sugli arti superiori sono stati applicati in modo efficace. Tra i muscoli degli arti superiori, il trapezio centrale, il grande romboide (RM), il tricipite brachiale, e gli estensori delle dita sono stati proposti come i muscoli connettivi individuati nell’estremità supero-posteriore. In particolare, nei metodi di trattamento per migliorare stabilità dinamica delle articolazioni della spalla e le estremità superiori dei pazienti con paralisi cerebrale, la parte prossimale è stata migliorata mediante aggiustamenti posturali delle mani, ovvero la parte distale. Tuttavia, la ricerca basata sulle prove su tali metodi di trattamento è molto insufficiente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here