La relazione tra la mobilità del piede e della caviglia per la misurazione dell’angolo di proiezione rispetto al piano frontale in adulti asintomatici.

21232

SFONDO:
L’angolo di proiezione rispetto al piano frontale (FPPA) viene frequentemente usato come misura del valgo del ginocchio durante dei compiti funzionali dinamici, come ad esempio uno squat su una singola gamba. L’aumento del valgismo in dinamica del ginocchio si osserva nelle persone con patologie del ginocchio, tra cui il dolore femoro-rotuleo e le lesioni del legamento crociato anteriore. Visto che il piede è l’interfaccia principale con il piano di appoggio, la mobilità del piede e della caviglia possono influenzare il FPPA. Questo studio ha esaminato la relazione tra la mobilità del piede e della caviglia e il FPPA negli adulti asintomatici.

METODI:
Trenta persone sane (di età compresa tra 18-50 anni) hanno eseguito una flessione di ginocchio in squat su una gamba sola. L’angolo e l’escursione del FPPA sono stati determinati attraverso delle registrazioni video digitali. La mobilità del piede è stata quantificata come la differenza di altezza nella sua parte mediale e dorsale (o la sua larghezza), tra la posizione di carico bilaterale e la posizione di non carico. Il range di movimento della flessione dorsale della caviglia è stata misurata come la distanza in centimetri tra il primo dito ed il muro durante un knee to wall lunge.

RISULTATI:
Una maggiore distanza del primo dito dal muro è stata associata ad un maggiore picco ed escursione del FPPA. Una minore altezza nella parte mediana e dorsale del piede è stata associata ad un maggiore picco ed escursione di FPPA. Anche una minore flessione dorsale della caviglia è stata associata ad un maggiore picco ed escursione del FPPA.

CONCLUSIONI:
Da questo studio si evince che la mobilità del piede e della caviglia è significativamente correlata alla misurazione dell’angolo di proiezione rispetto al piano frontale durante uno squat su una singola gamba, in individui sani. In particolare, una maggiore distanza del primo dito, una minore flessione dorsale della caviglia e una minore altezza nella parte mediana del piede, sono stati associati ad un angolo di proiezione maggiore. Questi fattori di mobilità del piede devono essere considerati nella gestione clinica dei disturbi del ginocchio che sono associati ad un alto FPPA.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1.  L’effetto di un tradizionale SIT-UP rispetto ad un SIT-UP a ginocchia flesse sulle modifiche dell’attività EMG dei muscoli addominali e del flessore dell’anca.
  2. I fattori di potenziamento della forza, indotta dal ciclo di allungamento-accorciamento, nei muscoli flessori plantari.
  3. Effetti dell’alluce valgo sulla posizione del retropiede, sul dolore, sulla funzione e sulla qualità della vita nelle donne.
  4. Ultimi articoli

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here