Gli effetti delle lesioni del legamento crociato anteriore sul menisco e sulla cartilagine articolare.

4383

SFONDO:
Le lesioni al legamento crociato anteriore (LCA) aumentano il rischio di danni al menisco e alla cartilagine articolare del ginocchio, ma le cause non sono ben comprese. Precedenti studi in vitro erano statici e hanno richiesto un’estesa dissezione del ginocchio, andando probabilmente ad alterare la fibrocartilagine meniscale e la cartilagine articolare, dovendo inserire dei dispositivi di rilevamento della pressione all’interno del ginocchio.

IPOTESI:
Una parziale/completa lesione del ACL porterà ad un aumento del carico sul menisco laterale e una maggiore deformazione del menisco mediale, così come un’alterata posizione di contatto sulla cartilagine articolare, sul menisco stesso, e sulla zona in generale.

METODI:
Attraverso delle nuove tecniche mini-invasive, sei perle in tantalio di 1.0 mm sono state impiantate nel menisco mediale e laterale del ginocchio di 6 cadaveri freschi congelati. Sono state ottenute delle radiografie stereo dinamico (DSXs) durante la flessione dinamica del ginocchio (da 15° a 60°, simulando uno squat in piedi) con un carico di 46 kg in ginocchia intatte e con lesioni al ACL. In seguito sono state confrontate la cinematica del ginocchio, il movimento del menisco e la sua capacità di deformazione, e il contatto della cartilagine.

RISULTATI:
Durante la flessione dinamica del ginocchio da 15° a 60°, la tibia traslava anteriormente di 2,6 millimetri, con 2.3° di rotazione interna maggiormente sui soggetti con deficit al ACL. Il menisco mediale e laterale rispettivamente, traslavano posteriormente di un ulteriore 0,7 millimetri  e 1,0 mm rispetto al gruppo di controllo. La posizione di contatto cartilagineo del menisco mediale e laterale si era spostata posteriormente (2,0 mm e 2,0 mm) nei soggetti con deficit al ACL rispetto al gruppo sano.

CONCLUSIONE:
Il menisco laterale ha mostrato una maggiore traslazione sui soggetti con deficit al ACL rispetto al menisco mediale. Questi dati potrebbero spiegare la maggiore incidenza di lesioni acute del menisco laterale e di lesioni croniche del menisco mediale. Inoltre, la posizione di contatto cartilagineo spostata più posteriormente rispetto a quella del menisco in entrambi i compartimenti, eventualmente impartisce più sollecitazioni meniscali che possono portare alla degenerazione precoce. Questo nuovo modello dinamico, minimamente invasivo, permette lo studio della funzione del menisco e il contatto cartilagineo e può essere applicato per valutare diverse patologie e tecniche chirurgiche.

RILEVANZA CLINICA:
Questo nuovo modello dimostra che una degenerazione del ACL può portare a significative alterazioni acute e croniche del menisco e della cartilagine, e questi parametri sono dinamicamente misurabili.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. Il ruolo del legamento menisco-tibiale nella stabilità rotazionale posteromediale del ginocchio.
  2. Il grinding test (o Test di Apley)
  3. Ruolo del trattamento incruento nella gestione della lesione degenerativa del corno posteriore del menisco mediale.
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here