Il muscolo peroniero lungo.

1963

Posizione: 
Gamba – Piede

Origine: Il muscolo peroniero lungo è il muscolo più superficiale e più lungo dei tre peronieri. Origina dalla faccia anteriore e laterale della testa del perone, dalla superficie fasciale profonda e dei setti intramuscolari. Occasionalmente si può trovare un’origine dall’epicondilo laterale della tibia. Con il suo ventre muscolare decorre lungo buona parte dell’osso peroneale.

Inserzione:
Primo cuneiforme e primo metatarso.

Anatomia topografica: 
Partendo dalla sua origine, il muscolo peroniero lungo si dirige in basso, continuando in un grosso e lungo tendine. Arrivato alla caviglia, passa posteriormente al malleolo peroneale, e si dirige obliquamente in avanti, attraversando la faccia laterale del calcagno. Qui passa al di sopra del tubercolo dei peronieri e continua sulla faccia laterale dell’osso cuboide. Da qui si dirige inferiormente, passando in un’asola creata dal legamento calcaneo-cuboideo esterno e dal legamento plantare lungo. Da qui, il tendine si dirige medialmente, attraversando tutta la pianta del piede, per inserirsi a livello del primo cuneiforme e del primo metatarso. Occasionalmente manda delle dipendenze sulla base del secondo metatarso.

Azione: 
Il muscolo peroniero lungo è un muscolo flessore plantare, rotatore esterno del piede e abduttore. E’ un muscolo antagonista del tibiale anteriore e del peroneo terzo (che sono flessori dorsali). La sua azione contribuisce a mantenere stabile e garantito l’arco plantare trasverso.

Innervazione: 
Nervo peroniero superficiale (L4 – L5 – S1)

Vascolarizzazione: 

Arteria Peroneale

Potrebbe interessarti:

  1. Il triangolo femorale (o triangolo di Scarpa)
  2. Il muscolo otturatore interno 
  3. Il muscolo tibiale posteriore. 
  4. Il muscolo flessore lungo dell’alluce
  5. Ultimi articoli

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here