Il triangolo femorale (o triangolo di Scarpa)

6813

Il triangolo femorale (o triangolo di Scarpa) rappresenta una zona di passaggio di diverse strutture vascolari, muscolari e fasciali e si trova a livello inguinale. Questo complesso anatomico è posizionato anteriormente alla radice della coscia ed avendo una forma piramidale rovesciata, si possono distinguere alcuni confini: una base, un lato mediale, un lato laterale, un apice, un fondo e una parete anteriore.

Superiormente si trova la base, rappresentata dal legamento inguinale. Questo legamento presenta come punti di inserzione la spina iliaca antero-superiore e il tubercolo pubico. Superiormente a questo troviamo l’aponeurosi del muscolo obliquo esterno, in prossimità della fossa iliaca.

Medialmente, delimita questo triangolo il muscolo adduttore lungo, che origina dal ramo posteriore del pube e si inserisce medialmente e a ventaglio sulla linea aspra del femore (va quindi in avanti, in basso e in fuori)

Lateralmente, delimita questo triangolo il muscolo sartorio nella sua porzione prossimale. Origina dalla spina iliaca antero-superiore e decorre in senso latero-mediale, per inserirsi nella faccia mediale della tibia, sotto l’epicondilo, nella struttura chiamata zampa d’oca.

Inferiormente si trova l’apice, che altro non è che l’intersezione dei due fasci muscolari del muscolo sartorio e del muscolo adduttore lungo, che formano anche una sorta di orifizio per il passaggio dei muscoli adduttori.

Il fondo di questo triangolo, o parete posteriore, è formato da diverse strutture muscolari. Principalmente il pavimento di questa zona è costituita dal muscolo pettineo. Ma parte di esso, nella sua superficie laterale, è rappresentato dal muscolo grande psoas e dal muscolo iliaco.

La parete anteriore è costituita principalmente dalla porzione prossimale del muscolo tensore della fascia lata. Questo muscolo non ricopre completamente la zona del triangolo della scarpa, e attraverso diversi orifizi (fascia cribrosa) garantisce il passaggio di strutture vascolari.

Questo complesso anatomico può essere suddiviso in due grandi lacune, divise da un’estroflessione del legamento inguinale (il legamento lacunare): la lacuna dei vasi e la lacuna dei muscoli. In senso medio-laterale, parlando della lacuna dei vasi, troviamo: la vena femorale, l’arteria femorale e il nervo femorale. E’ proprio da questa zona infatti che si può auscultare il polso femorale. Completano la lacuna dei vasi, i linfonodi inguinali del piano profondo.

Potrebbe interessarti:

  1. Il muscolo flessore lungo dell’alluce
  2. Il muscolo tibiale posteriore
  3. L’astragalo
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here