Trattamento manipolativo osteopatico preventivo e incidenza delle fratture da stress in atleti.

2677
INTRODUZIONE

La frattura da stress degli arti inferiori è un infortunio comune tra gli atleti, in particolare tra i fondisti. Le piste e i campi sportivi contano fino al 50% di tutte le fratture da stress negli atleti di sesso maschile e il 64% in atleti di sesso femminile. La maggior parte della letteratura in questo settore è retrospettiva e proviene da studi di sci di fondo e di atleti su pista e campo, così come tra le reclute militari. Gli studi sugli atleti hanno riportato un’incidenza delle fratture da stress dal 3,9% al 31,3%. Allo stesso modo, gli studi tra le reclute militari riportano l’incidenza di fratture da stress dal 1% al 31%.

Negli studi militari, le fratture da stress sono più spesso diagnosticate nelle donne. Negli studi di atleti maschi e femmine, tuttavia, i dati sono stati inconcludenti. Goldberg e Pecora e Hickey et al. hanno riportato una maggiore incidenza di fratture da stress nelle donne rispetto agli uomini, anche se Bennell et al. hanno riportato una simile incidenza di fratture da stress tra gli atleti maschili e femminili.

Il processo eziologico della frattura da stress è ampiamente dibattuto in letteratura. Romani et al. hanno classificato la frattura da stress come un eccessivo traumatismo cronico dovuto a rimodellamento osseo accelerato. Giladi et al. e Milgrom et al., tuttavia, hanno messo in dubbio questa distinzione, con diagnosi più prevalente nel primo mese di attività. Ci sono molte teorie in competizione per lo sviluppo di una frattura da stress. Nella teoria più importante in letteratura, si afferma un’attività rallentata degli osteoblasti rispetto all’attività degli osteoclasti, il che lascia un osso suscettibile alle microfratture. Altri ricercatori hanno teorizzato cause diverse per la frattura da stress, tra cui lo stress ripetitivo al punto dell’inserzione di un muscolo, un’iniziale e prolungata focale perfusione compromessa dell’osso vista in un’attività prolungata, e una diminuzione della sezione trasversale che diminuisce la resistenza dell’osso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here