Quando si può parlare di chirurgia per la lesione meniscale degenerativa?

14761
INTRODUZIONE

Un uomo di 48 anni si presenta dall’ortopedico per un controllo al ginocchio destro, con un dolore che lo sta disturbando negli ultimi 12 mesi. Nega qualsiasi trauma o incidente. All’esame fisico, non ha crepitii, ma ha una sofferenza della linea articolare mediana del suo ginocchio destro. L’immagine alla risonanza magnetica (MRI) mostra una parziale lacuna meniscale mediale (lesione meniscale degenerativa). Gli verrà consigliato di iniziare un ciclo di fisioterapia o verrà indirizzato in ortopedia per l’artroscopia e la riparazione?

La cartilagine meniscale nell’articolazione del ginocchio che fornisce sostegno, stabilità e lubrificazione a tutta l’articolazione durante l’attività, si può degenerare durante un evento traumatico o a causa di microtraumatismi nel corso del tempo. Le lacune meniscali traumatiche si verificano tipicamente in adulti e adolescenti più giovani (<30 anni) durante gli sport, come il basket e il calcio, mentre le lacune meniscali degenerative sono generalmente presenti nei pazienti dai 40 ai 60 anni. L’incidenza annuale di tutte le lacune meniscali è di 79 per 100.000. Mentre alcuni medici possono diagnosticare una lesione meniscale traumatica basata sulla storia e sull’esame fisico, la lesione meniscale degenerativa è in genere più impegnativa, e in genere ha bisogno di una risonanza magnetica per la conferma.

La lesione meniscale degenerativa può essere trattata in modo conservativo, con fisioterapia ed esercizio fisico o con interventi chirurgici. Purtroppo, non esistono linee guida ortopediche nazionali per aiutare nella cura diretta. In uno studio osservazionale che aveva come protagonista l’intervento chirurgico come trattamento per le sofferenze meniscali traumatiche e degenerative, 95 su 117 pazienti (81,2%) sono stati generalmente soddisfatti di questo trattamento a 4 anni di follow-up.

Due revisioni sistematiche che mettevano a confronto la chirurgia contro la gestione conservativa non hanno trovato alcun ulteriore vantaggio dell’intervento chirurgico per la lesione meniscale degenerativa in una varietà di pazienti con o senza osteoartrosi.

Le raccomandazioni sulle pratiche cliniche elaborate da una revisione sistematica e ampia della letteratura suggeriscono che la decisione per l’intervento chirurgico sia basata su fattori specifici del paziente come i sintomi, l’età, il meccanismo lesionale, l’estensione del danno e le esigenze occupazionali e sociali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here