Caratteristiche delle unità motorie durante la flessione isometrica cervicale ad opera dei muscoli sternocleidomastoidei (SCOM) tra i pazienti con disturbo meccanico del collo e individui asintomatici.

7374

INTRODUZIONE
I disordini meccanici del collo (MND) sono comunemente considerati una condizione muscolo-scheletrica diffusa. Le loro minacce alla salute generale stanno diventando sempre più severe, in quanto la tecnologia avanza in molte industrie. Il MND è definito come un dolore al collo generalizzato e invalidante senza anomalie delle strutture anatomiche o problemi ortopedici e neurologici, come ad esempio la frattura del canale vertebrale, iperlordosi spinale, spondilosi vertebrale, osteoartrosi spinale e così via. Clinicamente, i sintomi del dolore al collo, la cinematica cervicale anormale, la debolezza muscolare e le disabilità funzionali del collo sono i comuni segni e sintomi dei pazienti con MND. Anche se l’eziologia del MND è in gran parte in discussione, si ritiene che i carichi di lavoro prolungati e le posizioni scorrette di lavoro siano le principali cause potenziali sottostanti. Inoltre, anche i fattori di rischio psicosociali sono stati riportati come potenziali contribuenti.

Alcuni studi hanno indagato l’associazione tra il dolore al collo e le strategie di controllo neuromuscolare dei muscoli del collo. In generale, il dolore al collo è associato ad una maggiore attivazione e ad una maggiore affaticabilità dei muscoli flessori superficiali cervicali e dei fasci superiori del muscolo trapezio, e da una ridotta attivazione dei muscoli flessori profondi cervicali. Pertanto, è stata ampiamente accettata l’ipotesi che l’aumentata attivazione dei muscoli del flessore cervicale superficiale, come dei muscoli sternocleidomastoidei (SCOM), sia un adattamento compensativo per rimediare all’attivazione anormale dei muscoli flessori cervicali profondi.

Poiché le unità motorie sono le unità funzionali fondamentali dei sistemi neuromuscolari, è stato dimostrato che il reclutamento e lo scollegamento delle unità motorie o il modello delle velocità di scarica delle unità motorie attivate manipolano la produzione forzata dei sistemi neuromuscolari. Inoltre, l’osservazione delle proprietà elettrofisiologiche delle unità motorie potrebbe inoltre determinare i potenziali meccanismi patogenetici sottostanti ai vari disturbi neuromuscolari. Ad esempio, Kallenberg et al. hanno studiato le differenze nelle proprietà delle unità motorie del trapezio superiore nei pazienti con dolore cronico alla spalla rispetto ai controlli sani e hanno rilevato dei valori significativamente maggiori dei potenziali d’azione del gruppo motore e di elevate frequenze di potenza mediana durante il lavoro/compiti correlati al dolore cronico alla spalla.

Si ritiene che il fenomeno della sincronizzazione delle unità motorie è una strategia neuromuscolare deliberata proveniente da ingressi sinaptici condivisi dalla ramificazione dei neuroni dell’ultimo ordine e svolge un ruolo fondamentale nella regolazione della produzione meccanica dei sistemi neuromuscolari. Le modulazioni fisiologiche della sincronizzazione delle unità motorie non implicano solo i mezzi efficaci per ottenere una forza superiore o mantenere la forza durante la contrazione costante, ma anche per coordinare le attivazioni muscolari multiple in sinergia.

Tuttavia, le indagini che esplorano le proprietà elettrofisiologiche fondamentali delle unità motorie dei muscoli sternocleidomastoidei nei pazienti con MND sono ancora poche. Inoltre, nessuna relazione precedente ha descritto le caratteristiche della sincronizzazione a breve termine delle unità motrici dei muscoli sternocleidomastoidei. Pertanto, gli obiettivi dell’attuale lavoro sono quelli di chiarire le proprietà elettrofisiologiche fondamentali delle unità motorie dei muscoli sternocleidomastoidei (SCOM) e di determinare se esistono differenze nel grado di sincronizzazione a breve termine nelle unità motorie tra i pazienti con MND e negli individui asintomatici durante la flessione isometrica cervicale.

 
Potrebbe interessarti:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here