Attivazione muscolare del quadricipite e degli hamstring durante il ciclo della pedalata, misurata con elettromiografia intramuscolare.

8234

INTRODUZIONE

Il coordinamento del movimento nel ciclismo è ottenuto mediante il reclutamento muscolare e la relativa modulazione dell’architettura muscolo-tendinea dell’arto inferiore (Li 2004). Durante la pedalata, è preferibile un’ottimizzazione del reclutamento muscolare del quadricipite e degli hamstring per produrre energia al pedale. Questi gruppi muscolari sono stati descritti come aventi diversi contributi in diverse fasi del ciclo della pedalata. Anche muscoli diversi all’interno di questi gruppi possono essere assunti per avere diversi contributi funzionali. Per meglio comprendere questo meccanismo di contribuzione durante il ciclo della pedalata, è stata recentemente utilizzata l’elettromiografia superficiale (EMG) per misurare il coordinamento dell’attivazione muscolare nel ciclismo (Prilutsky e Gregor 2000 , Smirmaul et al. 2009, Soderberg e Cook 1984 , Wakeling e Horn 2009).

I precedenti studi sui muscoli della coscia durante il ciclismo hanno dimostrato che i muscoli vasto laterale (VL) e vasto mediale (VM) hanno la massima attivazione dal top dead center (TDC, 0 °) del pedale fino a metà (90°) attraverso la fase di propulsione (0-180 °) (Dorel et al., 2008 ; Jorge e Hull 1986 ; Ryan e Gregor 1992). Secondo Savelberg e Meijer, il vasto mediale e laterale hanno una lunghezza muscolare ottimale in una configurazione ideale del ginocchio ad 80,8° e il retto femorale è attivato prima dei vasti, presumibilmente dovuto al fatto della sua bi-articolarità che gli permette di flettere anche l’articolazione dell’anca (Ryan e Gregor 1992 ).

Studi precedenti riportano risultati conflittuali sull’attivazione dei muscoli flessori del ginocchio. Ericson et al. hanno mostrato l’attivazione del semimembranoso (SemM) e del semitendinoso (SemT) tra l’angolo di pedalata tra 150° a 270°. Dorel et al. hanno mostrato l’attivazione di SemM durante la fase di downstroke insieme al bicipite femorale (capo lungo e capo corto). Jorge e Hull hanno mostrato un’attività prolungata per il semM tra i 60° e i 240° di pedalata. Tuttavia, Ryan e Gregor hanno mostrato l’attivazione del bicipite femorale, SemM e SemT durante il ciclo della pedalata completo, con la massima attività durante la fase di discesa (attivazione di picco a 145 ° di angolo di pedalata) e minima attivazione a 270°. La coattivazione tra estensori del ginocchio e flessori durante la fase di propulsione della pedalata è stata suggerita per regolare i momenti responsabili del trasferimento della forza al pedale (Hug et al., 2011 ; Jorge e Hull 1986 , Li 2004 , Ryan e Gregor 1992 ; al., 2005 ).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here