Costruzione di un bridge: analisi elettromiografica della muscolatura dell’anca nel ponte ad una sola gamba.

9767

INTRODUZIONE
La forza e la resistenza muscolare del gluteo svolgono un ruolo significativo nella prevenzione delle lesioni, normalizzando i pattern dello schema del passo e la postura, eliminando il dolore e migliorando le prestazioni atletiche. La debolezza degli abduttori dell’anca e dei rotatori esterni sembra essere un fattore di rischio per le lesioni negli atleti. Il rinforzo del medio gluteo ha dimostrato di migliorare il recupero funzionale e la riduzione del dolore nei pazienti post-chirurgici del menisco del ginocchio. I test di resistenza del medio gluteo e di abduzione attiva dell’anca sono predittivi in individui a rischio di dolore alla schiena durante il mantenimento di una postura eretta prolungata. Inoltre, il rinforzo del grande gluteo ha determinato una diminuzione del dolore alla schiena e della disabilità. La forza di questi due muscoli glutei, che comprendono circa il 33% della muscolatura dell’anca, è essenziale per chiunque pratichi sport, ma anche per i non atletici, e i post-chirurgici.

L’attivazione muscolare del gluteo durante gli esercizi terapeutici tradizionali è stata messa a fuoco da numerosi studi. Il ponte ad una gamba sola può produrre una sufficiente attivazione del grande gluteo e del medio gluteo per il rinforzo senza carico e quindi è un ottimo metodo per fornire agli individui un mezzo per aumentare in modo sicuro e conveniente la stabilità dell’articolazione dell’anca. La prima analisi elettromiografica (EMG) dei muscoli dell’anca durante il ponte ad una sola gamba ha dimostrato un’attivazione del 40% quando normalizzato alla contrazione isometrica massima volontaria (MVIC) per il grande gluteo e al 47% MVIC per il medio gluteo. Il ponte ad una gamba è il secondo esercizio di riabilitazione, tra i nove esaminati, per attivazione dei muscoli glutei.

1
2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here