Gli effetti della respirazione forzata sulla stabilizzazione lombare nei pazienti con dolore cronico alla schiena.

20334

INTRODUZIONE

L’instabilità dei segmenti lombari a seguito delle malattie degenerative del disco e la diminuzione della capacità di controllo muscolare sono fattori importanti in chi soffre di lombalgia. Di conseguenza, nella pratica clinica sono ampiamente utilizzati gli esercizi di stabilizzazione attiva della muscolatura del tronco per ristabilire la stabilità dei segmenti lombari. La stabilità spinale è derivata da attività simultanee dei muscoli del tronco, e sono necessarie delle contrazioni attive simultanee per migliorare la stabilità spinale nei pazienti lombari con segmenti lombari instabili. La ridotta mobilità delle articolazioni vertebrali genera uno stress eccessivo e una maggiore mobilità delle articolazioni. Inoltre, se i muscoli circostanti non possono regolare correttamente questa maggiore mobilità, può verificarsi instabilità. Questo meccanismo epidemiologico può manifestarsi in varie forme e in tutte le articolazioni vertebrali, influenzando fortemente i cambiamenti funzionali della colonna vertebrale. I pazienti lombalgici che rimangono seduti per lunghi periodi o hanno una postura scorretta, hanno una maggiore probabilità di cifosi delle articolazioni vertebrali e una diminuzione dell’elasticità; questi fattori portano ad un tono muscolare inefficiente del tronco spinale e inducono una compensazione muscolare anomala.

Tra i muscoli del tronco, i muscoli respiratori, gli obliqui interni, i muscoli addominali e il multifido spinale stabilizzano la colonna vertebrale. Anche i muscoli del pavimento pelvico influenzano la stabilità spinale, collaborando con i muscoli del tronco per generare una corretta pressione addominale. Il muscolo trasverso dell’addome si muove su e giù durante la respirazione ed è il muscolo più importante, necessario per bloccare l’inspirazione tra i diversi muscoli che contribuiscono alla stabilizzazione spinale. Inoltre, poiché il trasverso dell’addome è un muscolo espiratorio, aumenta anche la pressione addominale. Entrambi i muscoli lavorano collaborando con i muscoli del pavimento pelvico. Così, per quanto riguarda la funzionalità dei muscoli del tronco, la contrazione simultanea e il movimento coordinato del diaframma, del trasverso addominale e della muscolatura del pavimento pelvico è tra gli elementi più importanti e fondamentali della stabilizzazione spinale e può essere direttamente influenzato dagli esercizi di respirazione forzata. Inoltre, anche il movimento delle articolazioni della colonna vertebrale, comprese le coste, che sono coinvolte nel movimento delle articolazioni del tronco, può essere influenzato attraverso alcuni esercizi di respirazione forzata.

Negli adulti sani, l’inspirazione stabile dipende dalla contrazione attiva del diaframma e dei muscoli intercostali. L’espirazione si verifica come un processo passivo a causa del ritorno elastico causato dal rilassamento dei muscoli inspiratori. La respirazione forzata può essere attivamente migliorata e accompagnata da una ulteriore contrazione muscolare nei volumi di riserva inspiratoria ed espiratoria. L’ispirazione forzata richiede la mobilitazione di muscoli aggiuntivi come il dentato postero-superiore, il dentato postero-inferiore, il gran dorsale, gli erettori spinali, il quadrato dei lombi, il grande pettorale, il piccolo pettorale, lo sternocleidomastoideo per aumentare la velocità e il volume dell’aria inalata. L’espirazione forzata richiede la contrazione attiva dei quattro muscoli addominali (retto addominale, obliquo esterno, obliquo interno, trasverso dell’addome) per diminuire rapidamente il volume all’interno del torace. Sapsford ha riferito che dopo la contrazione simultanea del pavimento pelvico e del trasverso dell’addome, la lesione lombare si stabilizza durante la respirazione profonda. Il presente studio ha utilizzato un approccio chinesiterapico per determinare gli effetti degli esercizi di respirazione forzata, che regolano la frequenza respiratoria e la capacità respiratoria, sulla stabilizzazione spinale dei pazienti con lombalgia durante alcune attività come il sollevamento di oggetti pesanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here