Il magnesio può aumentare la prestazione fisica?

9482

Introduzione
Il magnesio (Mg) è un minerale essenziale e svolge un ruolo fondamentale nel corpo umano. È un cofattore per numerose reazioni enzimatiche tra cui il metabolismo energetico, la crescita cellulare, la glicolisi e la sintesi proteica. Il Magnesio è presente come Mg2+ , e può legarsi con l’adenosina trifosfato (ATP) per formare il complesso Mg-ATP. Il complesso funziona come fonte di energia primaria ed è indispensabile per molte funzioni fisiologiche, tra cui la conduzione del nervo, la contrazione muscolare e la regolazione della pressione sanguigna.

L’attività fisica regola la distribuzione e l’utilizzo del Magnesio mentre il Mg partecipa alle attività di forza e alle funzioni cardio-respiratorie, indicando la reciproca relazione tra esercizio e Mg nel corpo umano. In risposta all’esercizio, il Mg viene trasportato in luoghi dove la produzione di energia sta avvenendo. Ad esempio, durante l’esercizio di lunga durata, il Mg è probabile che si trasferisca dal siero o dal muscolo agli eritrociti per sostenere la funzionalità dell’esercizio. D’altra parte, l’esercizio a breve termine può ridurre il suo volume plasmatico / sierico, con conseguente aumento dei livelli sierici di Mg.

Il ruolo del Mg nella funzione muscolare è stato ampiamente studiato. Il Mg partecipa al processo di metabolismo energetico e aiuta il mantenimento della normale contrazione muscolare e del rilassamento. Le prestazioni muscolari sono associate positivamente ai livelli sierici di Mg negli anziani e negli atleti maschi. Inoltre, gli studi hanno dimostrato che la carenza di Mg può portare alla distorsione della funzione neuromuscolare, suggerendo una possibile associazione tra livelli bassi di Mg e crampi muscolari. Anche se non è trasferibile ad altre popolazioni di soggetti, il beneficio della supplementazione di Mg nei crampi è stato osservato nelle donne in gravidanza. Tuttavia, mancano evidenze in relazione ai crampi muscolari associati all’esercizio.
Alcuni tipi di alimenti sono ricchi di magnesio, come ad esempio le noci, i semi, la frutta, verdura e grani interi. La quantità dietetica raccomandata (RDA) di Mg è 400-420 mg per i maschi e 310-320 mg per le femmine di età superiore ai 19 anni. Nonostante il ruolo critico del Mg nel metabolismo energetico, il mantenimento dell’assunzione di Mg ad un livello adeguato è spesso trascurato tra la popolazione generale e gli atleti. La domanda di Mg è destinata ad aumentare durante situazioni metaboliche accelerate, quindi, gli individui fisicamente attivi possono avere elevate richieste di Mg al fine di mantenere le prestazioni ottimali durante l’esercizio rispetto ai loro pari inattivi. Per gli individui che partecipano ad un programma di allenamento alla resistenza, uno status di Mg non subordinato o addirittura deficitario può portare ad un metabolismo energetico inefficiente e alla diminuzione della resistenza. Nell’esercizio aerobico, l’assunzione di Mg più elevata è associata a minori necessità di ossigeno e ad indici cardio-respiratori migliori.

Dal momento che è stato osservato un miglioramento delle prestazioni dell’esercizio in individui con supplementazione di Mg, è di grande importanza aumentare la consapevolezza dell’assunzione di Mg in popolazioni attive. Da notare, l’integrazione di Mg è stata ampiamente raccomandata agli individui fisicamente attivi, specialmente agli atleti. Tuttavia, l’efficacia di tale pratica sulle prestazioni dell’esercizio è meno chiara. Anche se un gran numero di studi hanno esaminato la relazione tra Mg e le prestazioni fisiche, la misurazione dei risultati varia, in particolare per quanto riguarda alcuni indicatori fisiologici quali i livelli di lattato, la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e VO2max. Lo scopo di questa revisione è stato quello di valutare l’associazione tra lo status / l’integrazione di Mg e le prestazioni durante l’esercizio con misure dirette quali la forza di presa e il momento di forza del ginocchio.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. Gli effetti acuti dell’estratto di zenzero sui sintomi biochimici e funzionali del dolore muscolare ad insorgenza ritardata.
  2. La caffeina come coadiuvante analgesico per il dolore acuto negli adulti.
  3. Evidenze sul mal di testa indotto dall’assunzione di bevande alcoliche.
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here