L’effetto dell’esercizio addominale e del rilascio miofasciale sul dolore, sull’elasticità e sull’equilibrio negli anziani con mal di schiena.

4451
INTRODUZIONE

Nella società moderna, lo sviluppo della medicina sanitaria pubblica e il progresso socioeconomico hanno portato al miglioramento delle condizioni di vita, aumentando il numero della popolazione invecchiata. La popolazione di 65 anni o più, è aumentata costantemente dal 1990, andando a rappresentare il 12,7% nel 2014 e stimando una crescita del 24,3% nel 2030 e del 40,1% nel 2060. Considerando questo punto, in cui stiamo entrando in una società di super-invecchiamento dovuto da un aumento della durata media della vita, la salute degli anziani è emersa come una questione gravosa. Analizzando i problemi di salute degli anziani, il tasso di ipertensione è il più alto al 54,8%, seguito da reumatismi e artrosi al 40,4%, per finire con il dolore alla schiena e la sciatalgia al 19,9%. La diminuzione delle attività fisiche dovute all’industrializzazione della società e la comparsa sempre più frequente di funzioni fisiche degradate causate dalla vita sedentaria ha aumentato la frequenza di degli episodi dolorosi alla schiena e ha causato un problema economico derivante dall’aumento dei costi di trattamento.

Il dolore alla schiena è un dolore nella regione lombare, dove i nervi spinali escono dalla seconda vertebra lombare e terminano all’articolazione sacro-iliaca. È un dolore che deriva dalla posizione eretta dell’uomo che cammina a differenza di altri animali e l’80% dell’intera popolazione sperimenta un dolore alla schiena durante la loro vita. Il 10%-20% del dolore alla schiena da acuto diventa cronico a causa del prolungarsi per più di tre mesi della sintomatologia e della disabilità. Le cause del dolore alla schiena sono diverse. Il dolore alla schiena è suddiviso in: dolore alla schiena di origine spinale, innescato da interessamenti vertebrali diretti come le ernie del disco intervertebrale e il dolore lombosacrale di origine muscolare, che sono le cause più comuni. Può esordire dopo un trauma, per via di degenerazioni, infiammazioni, tumori e deformità congenite; il dolore alla schiena è causato anche da diverse malattie rilevanti come l’urolitiasi, la cistite, tutti i tipi di malattie ostetriche e ginecologiche e le malattie sistemiche come il diabete. Il mal di schiena può avere un origine psicogenica, ovvero può essere causato da tensione mentale e stress. Nel caso degli anziani, quando invecchiano, subiscono alterazioni degenerative della loro colonna vertebrale; la graduale atrofia e la diminuzione della forza muscolare attorno alla colonna vertebrale portano a danni ai tessuti molli del tronco e all’indebolimento della forza muscolare che agisce come un causa principale del dolore alla schiena.

2 Commenti

  1. Questo articolo è comparso a seguito di una mia ricerca con parole chiave: diabete, neuropatia diabetica ?Come mai ? Perchè nell’articolo il diabete è citato come malattia sistemica?Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here