Un nuovo test clinico per il controllo sensomotorio dello sviluppo della mano e della convalida preliminare.

5252

INTRODUZIONE
Il controllo sensomotorio è un termine comunemente usato quando si riferisce alla trasmissione, all’elaborazione e all’integrazione del sistema nervoso (soprattutto nei sistemi visivi, vestibolari e somatosensoriali, compresa la propriocezione) e l’iniziazione e la trasmissione di comandi motori ai muscoli scheletrici. La propriocezione può essere definita come il senso cosciente e inconscio della posizione e del movimento dell’articolazione ma anche la forza; includendo così i tre elementi di posizione, movimento e senso della forza. La propriocezione ha più ruoli nel controllo senso-motorio.

Questi includono l’aggiornamento della percezione della costituzione e della posizione delle parti del corpo (schema del corpo) e della pianificazione dell’impulso motore prima del movimento, della regolazione della rigidità muscolare, del feedback e del controllo avanzato durante i movimenti, nonché delle previsioni e della valutazione del risultato dei comandi motori dopo un movimento. La propriocezione della mano è, insieme alle informazioni tattili, importante anche per la consapevolezza aptica, cioè la consapevolezza di forme, dimensioni, pesi e valutazione di oggetti. Inoltre, una propriocepione ben integrata con informazioni visive è importante per la coordinazione della testa in molte attività funzionali.

Il controllo senso-motorio della mano è di immensa importanza per il funzionamento fisico e per le abilità come la prensione, il sollevamento e la manipolazione di oggetti in mano, ma anche per le informazioni sensoriali sugli oggetti e sull’ambiente immediato e per la comunicazione. La funzione senso-motoria ben adeguata della mano è pertanto importante per le attività quotidiane, come la preparazione, la cottura e il lavoro manuale. È inoltre necessario per gli individui e le professioni con elevate richieste di precisione e controllo fine della mano, ad esempio nel caso di musicisti, illustratori, artisti, chirurghi, dentisti, parrucchieri, ma anche per molti atleti, ad esempio quelli coinvolti negli sport con racchetta o di lancio.

Grazie alla diversità delle funzioni della mano, a partire dai precisi movimenti e prese con piccole forze ben adattate per arrivare a movimenti ballisti veloci, prese di potenza e sollevamento pesante, la propriocezione è eccezionalmente importante per la funzione senso-motoria della mano. Ciò è anche anatomicamente e fisiologicamente rappresentato nella mano e nelle dita, che sono fortemente invase da meccanocettori che contribuiscono alla propriocezione, compresi gli organi tendinei del Golgi, i meccanorecettori delle articolazioni, dei legamenti, della fascia e della pelle, nonché il sistema nervoso centrale ( CNS) con grandi rappresentazioni della mano nella corteccia somatosensoria e motoria nell’homunculus cerebrale.

Vari disordini muscolo-scheletrici, con o senza esordio traumatico, e disturbi neurologici possono portare a disturbi nelle funzioni sensomotorie della mano. I risultati comuni includono la coordinazione neuromuscolare alterata e l’input o elaborazione somatosensorie disturbate, inclusa la propriocezione. La propriocezione alterata della mano è stata segnalata per disturbi muscolo-scheletrici e neurologici come le fratture, l’artrite, la sindrome del dolore regionale, la neuropatia sensoriale, la malattia di Parkinson e l’ictus. La funzionalità disturbata nei movimenti della mano è stata segnalata anche nei disturbi muscoloscheletrici più prossimali, come il dolore del collo e del braccio.

L’importanza della propriocezione nei disturbi muscolo-scheletrici ha ricevuto un’attenzione crescente negli ultimi decenni nella ricerca e nell’attività clinica, compresa la riabilitazione delle mani. Tuttavia, sono relativamente scarsi in letteratura dei metodi oggettivi per la valutazione della propriocezione. Le prove cliniche per la valutazione della propriocezione del polso e della dita comportano spesso un senso di posizione comune misurato con il goniometro manuale. Nei laboratori scientifici che si occupano di movimento, vengono utilizzate apparecchiature specifiche per valutazioni oggettive più accurate delle misure del senso di posizione e di movimento, come le apparecchiature motorizzate e i sistemi di cattura del movimento in 3D. Queste apparecchiature tuttavia non sono adatte per la clinica generale a causa di costi e complessità tecnologica elevati.

Le prove grafiche come la scrittura a mano, le attività di tracciamento o di tracciamento con tecniche di penna e carta sono utili per valutare la funzione sensomotoria della mano.. In questo articolo gli autori suggeriscono un metodo fattibile e conveniente per valutare il senso del movimento del polso con la mano libera e non supportata, utilizzando un puntatore laser e un nuovo software per una valutazione obiettiva rapida e precisa dei risultati.

L’obiettivo dello studio è stato quello di sviluppare e condurre una valutazione primaria della validità di un test clinico con software di punteggio automatizzato per una valutazione oggettiva del senso di movimento del polso.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. La sindrome del tunnel carpale.
  2. Test di Phalen
  3. La prevalenza e le caratteristiche anatomiche del capo accessorio del muscolo flessore lungo del pollice: una meta-analisi.
  4. Ultimi articoli
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here