L’efficacia dell’aggiunta del dry-needling in una fisioterapia manuale e in un protocollo di esercizio terapeutico per pazienti con dolore cronico alla spalla di origine non specificata.

6722

INTRODUZIONE
Il dolore alla spalla è un problema comune muscolo-scheletrico, con una prevalenza annuale del 20-50%, essendo la causa non traumatica principale di dolore dell’arto superiore. Esso presenta un’elevata cronicità e possibilità di recidiva e i sintomi persistono dai 6 ai 12 mesi nel 40-50% dei pazienti. Tuttavia, non esiste uno standard per la definizione clinica del dolore alla spalla.

Le sperimentazioni cliniche tendono ad utilizzare il termine dolore non specifico alla spalla a causa della mancanza di accordo sui criteri diagnostici, della mancanza di specificità delle prove cliniche, della coesistenza di molte patologie di spalla e della mancanza di qualsiasi test diagnostico considerato come “gold standard”. I segni e i sintomi più comuni sono localizzati nella regione del deltoide, dell’avambraccio e della spalla, presentando spesso una rigidità della spalla e un limitato range di movimento che limitano le attività di vita quotidiana.

La sindrome da impingement della spalla è la diagnosi più comune nelle cure primarie e anche se si crede che possa essere la causa del dolore alla spalla, non ci sono prove a sostegno di questa affermazione. Inoltre, sia in soggetti sani sia nei soggetti con dolore alla spalla è stata evidenziata la presenza di calcificazioni, sporgenze ossee artrosiche, gonfiore subacromiale, lesioni degenerative della cuffia dei rotatori, infiammazione dei tendini e segni di degenerazione che giustificano la presenza di sintomi.

Inoltre, è stato dimostrato che di solito nei pazienti con dolore alla spalla vi è la presenza di alcuni punti di attivazione miofasciale (MTrPs) nei muscoli che possono causare dolore durante l’allungamento muscolare, la contrazione o la compressione. Questi MTrPs sono punti iperirritabili, banderelle contratte di un muscolo scheletrico e sono dolorosi alla compressione, producendo disfunzione motoria e dolore riferito.

Sono 17 i muscoli che sono noti per riprodurre sintomi simili a quelli di altre sindromi dolorose sulle spalle, tra cui il dolore a riposo, i disturbi del movimento e del sonno. Pertanto, la presenza di MTrPs è stata suggerita come una spiegazione alternativa per il dolore alla spalla, indipendentemente dalla presenza di disturbi subacromiali.

Il trattamento del dolore alla spalla inizia normalmente con terapie conservative come il riposo, la terapia fisica strumentale, i farmaci antinfiammatori (FANS) e le iniezioni di corticosteroidi. Tuttavia, gli studi in corso hanno dimostrato i vantaggi di un trattamento multimodale per i dolori alla spalla, tra cui le tecniche di dry needling, stretching, terapia manuale, tecniche di mobilitazione, applicazione di freddo, esercizi a casa, compressione ischemica dei MTrPs e alcune raccomandazioni ergonomiche.

La scelta del trattamento è spesso soggettiva e dipende dall’abilità e dalla formazione del fisioterapista, mentre i programmi di esercizio terapeutico in combinazione con le tecniche di terapia manuale mostrano spesso buoni risultati. Una recente metanalisi di Kietrys et al. raccomanda l’uso del dry needling, rispetto al placebo, per ridurre il dolore, dopo il trattamento e per 4 settimane di follow-up nei pazienti con Sindrome del dolore miofasciale del quadrante superiore. Tuttavia, sono necessari nuovi studi per sostenere questa raccomandazione.

È stato suggerito che l’inclusione del dry needling, in una sola sessione, all’interno di un programma di fisioterapia multimodale per i pazienti con dolore post-chirurgico alla spalla, produce miglioramenti sul dolore e sulla gamma di movimento. Tuttavia, gli autori dello studio non hanno trovato studi simili in pazienti con dolore cronico alla spalla di origine non specificata.

SCOPO
Pertanto, lo scopo principale di questo studio è stato quello di determinare l’efficacia dell’aggiunta del dry needling alla spalla in una fisioterapia manuale e in un programma di esercizio terapeutico, per il trattamento del dolore cronico alla spalla di origine non specificata. L’ipotesi di fondo è che includendo una singola sessione di dry needling alla spalla in una fisioterapia manuale e in un programma di esercizi terapeutici, i risultati del trattamento migliorino, riducendo i sintomi e migliorando la funzionalità nei pazienti con dolore alla spalla.

SFONDO
Il dolore alla spalla di origine muscolo-scheletrica è la causa principale del dolore dell’arto superiore di origine non traumatica. Pur essendo uno dei motivi più comuni di consultazione, non esiste un protocollo stabilito per il trattamento a causa della complessità della sua eziologia. Tuttavia, è stato dimostrato che la presenza di alcuni punti di attivazione miofasciale sui muscoli della spalla è una condizione comune associata ai pazienti affetti da dolori alla spalla. Questo protocollo è stato creato per descrivere la progettazione di uno studio controllato randomizzato al fine di valutare l’efficacia dell’inclusione del dry needling (DN) in un protocollo di fisioterapia manuale e di esercizio terapeutico nel trattamento del dolore cronico alla spalla di origine non specificata.

METODI
Trentasei partecipanti di età compresa tra i 18 ei 65 anni verranno reclutati solo in presenza di dolori cronici e meccanici della spalla su origine non specificata. Questi saranno randomizzati a uno dei due interventi,
– dry needling alla spalla, fisioterapia manuale e esercizio terapeutico,
– fisioterapia manuale e esercizio terapeutico.

Il protocollo coprirà 6 settimane di trattamento, con un follow-up di 6 mesi. La misura principale del risultato sarà la scala visiva analogica per il dolore.

DISCUSSIONE
Questo sarà il primo studio che combinerà l’uso del dry needling alla spalla, della fisioterapia manuale e di un programma di esercizi con un follow-up a 6 mesi, diventando così un nuovo contributo al trattamento del dolore cronico alla spalla, mentre nuove linee di ricerca possono essere istituite per aiutare a determinare gli effetti del dry needling alla spalla sul dolore cronico, la sua frequenza e il dosaggio corretto.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. Caratteristiche delle unità motorie durante la flessione isometrica cervicale ad opera dei muscoli sternocleidomastoidei tra i pazienti con disturbo meccanico del collo e individui asintomatici.
  2. La riabilitazione della sindrome da dolore subacromiale, sottolineando l’importanza della discinesia scapolare.
  3. Accuratezza diagnostica dei test e dell’imaging per l’identificazione del dolore subacromiale.
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here