Artrosi Go Away: Sviluppo e valutazione preliminare di uno strumento di autogestione per promuovere l’adesione all’esercizio fisico e alle attività fisiche per le persone con osteoartrosi dell’anca o del ginocchio.

392
INTRODUZIONE

Le linee guida recenti di pratica clinica per la gestione dell’osteoartrosi dell’anca e del ginocchio hanno fortemente raccomandato che le persone con OA che eseguono attività fisica regolarmente, basandosi sulla prova che programmi aerobici e di rinforzo migliorino il dolore, la funzione e la qualità della vita e agevolino la gestione del peso, possono rallentare la progressione della malattia. Tuttavia, questi vantaggi si realizzano solo se l’esercizio e l’attività fisica (PA) vengono praticati in modo coerente e diventano un’abitudine permanente. Sfortunatamente, l’aderenza all’esercizio prescritto è bassa tra la popolazione con OA e la maggior parte delle persone affette da OA dell’anca o del ginocchio non soddisfano le raccomandazioni consigliate da Health Canada per gli esercizi settimanali per adulti:

– almeno 150 minuti di moderata o 75 minuti di vigorosa attività fisica aerobica a settimana (che può essere suddivisa in segmenti di 10 minuti);

– esercizi di rafforzamento per almeno 2 giorni alla settimana;

– attività fisica per migliorare l’equilibrio e prevenire cadute per coloro che hanno più di 65 anni con mobilità più povera.

Questa mancanza di attività fisica aumenta il potenziale di progressione della malattia e maggiore morbilità e mortalità. I fisioterapisti che semplicemente prescrivono l’esercizio fisico ai loro pazienti con OA dell’anca o del ginocchio raramente raggiungono duraturi cambiamenti nel comportamento, soprattutto nei pazienti scaricati in programmi di esercizio fisico indipendente. Sono necessari ulteriori interventi motivazionali per il cambiamento comportamentale necessario ad adottare e colmare il divario tra buone intenzioni e comportamento. Anche se alcuni studi qualitativi hanno esaminato i fattori che influenzano la decisione di adottare e mantenere un regolare programma di esercizi, le prove sono scarse per gli interventi che promuovono l’adesione all’esercizio fisico per le persone con osteoartrosi.

Gli autori dello studio hanno identificato due recenti articoli di revisione che hanno esaminato un totale di 13 studi che includevano l’aderenza tra i loro criteri di valutazione e un successivo studio che ha specificamente testato un intervento per promuovere l’adesione all’esercizio fisico per le persone con OA dell’anca o del ginocchio. Gli interventi di adesione studiati, utilizzati da soli o in combinazione, sono stati i registri di allenamento, l’impostazione degli obiettivi, le chiamate telefoniche, le sessioni di rinforzo, i pedometri, gli esercizi video assistiti e gli strumenti di autovalutazione. Solo coloro i quali includevano sessioni di rinforzo in combinazione con l’impostazione degli obiettivi, i registri di allenamento o le chiamate telefoniche hanno mostrato una maggiore aderenza dopo 6 mesi e anche in questi studi i tassi sono diminuiti nel tempo. Questi interventi multi-componente sono stati sostenuti in parte da aspetti della teoria dell’autoregolamentazione (SRT), che indica che il comportamento è un obiettivo diretto e che assumendo un ruolo attivo e non passivo nella gestione di una condizione cronica, i pazienti possono creare i propri percorsi per raggiungere il raggiungimento di obiettivi attraverso l’impostazione di obiettivi personali, la pianificazione d’azione, l’auto-monitoraggio, il feedback e la prevenzione delle ricadute. La SRT suggerisce che l’auto-efficacia può essere aumentata perché la gente percepisce di essere in grado di controllare o influenzare vari aspetti della loro malattia cronica. Quella più forte è la percezione dell’auto-efficacia, ovvero che i sacrifici più saranno forti e più proattivi e persistenti saranno. Le strategie di autoregolamentazione sono state dimostrate per promuovere la perdita di peso, aumentare l’attività fisica nelle persone con artrite reumatoide e aumentare l’aderenza all’esercizio nella popolazione generale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here