La deambulazione e la forza muscolare in pazienti con sindrome del dolore femoro-rotuleo.

506
INTRODUZIONE
 

La sindrome del dolore femoro-rotuleo (PFPS) è una malattia più comunemente caratterizzata dal dolore e dall’instabilità dell’articolazione del ginocchio. In particolare, la debolezza del ginocchio e il disagio o il dolore al ginocchio anteriormente o posteriormente sono osservati quando sono eseguiti i movimenti che richiedono abduzione, flessione e estensione. Questi movimenti includono attività come salire le scale e scenderle, accovacciarsi, sedersi, stare in piedi e fare attività fisica. La PFPS ha una prevalenza del 7-40% ed è considerata una sindrome da uso eccessivo più frequente nei giovani e nelle femmine altamente attivi. Il dolore femoro-rotuleo e l’instabilità sono spesso trascurati nei pazienti che presentano problemi al ginocchio perché la maggior parte degli impedimenti meccanici del ginocchio possono essere attribuiti a lesioni cartilaginee del menisco. L’ulteriore accumulo di lesioni, dislocazione o mal-allineamento della rotula a causa di traumi o pressione aumentata sulla patella (ad esempio, di sovrappeso o di sollevamento) può anche causare l’artrosi primaria. Ciò può provocare l’osteoartrosi dell’articolazione patellofemorale, un processo accelerato nei pazienti in sovrappeso.

Si pensa che la PFPS sia causata da movimenti anomali derivanti da cambiamenti fisici nell’articolazione patellofemorale, ovvero uno squilibrio meccanico tra il quadricipite e i muscoli circostanti. Il dolore alle articolazioni patellofemorali può anche essere causato da un distorsione del ginocchio o da un’altra lesione e provoca instabilità durante le attività quotidiane come la deambulazione. Sebbene siano stati individuati i sintomi e le cause della  PFPS, i criteri per misurare e valutare il dolore alle articolazioni patellofemorali rimangono incoerenti, portando a differenze nella segnalazione dei risultati attraverso diversi studi. Per curare in modo più efficace il dolore patellofemorale, che progredisce in modo sparso, è necessaria una ricerca più sistematica e metodologica. Pertanto, il presente studio ha inteso fornire una base per sviluppare un programma di trattamento attenuante il dolore e migliorare le prestazioni valutando e confrontando i modelli di deambulazione e la funzione del ginocchio tra le persone con e senza dolore patellofemorale.
ABSTRACT
[Soggetti e metodi]
I soggetti consistevano in 32 femmine adulte diagnosticate con sindrome del dolore patellofemorale e 25 femmine adulte senza dolore patellofemorale (gruppo di controllo). I modelli del rapporto di contatto durante la deambulazione e la forza muscolare isokinetica intorno all’articolazione del ginocchio sono stati misurati in entrambi i gruppi e poi confrontati.
[Risultati]
I modelli di deambulazione, in particolare i rapporti di contatto dell’avampiede sinistro e dell’avambraccio destro, differivano significativamente tra i pazienti con sindrome del dolore patellofemorale e il gruppo di controllo. Un test isocinetico della resistenza muscolare ha dimostrato che anche l’estensore del ginocchio sinistro e destro e le coppie di flessori sono significativamente diverse tra questi due gruppi.
[Conclusione]
L’analisi di base basata sugli schemi di deambulazione e sulla forza muscolare può essere utilizzata per indicare il recupero funzionale dalla sindrome del dolore patellofemorale e fornire informazioni sul miglioramento della riabilitazione dei pazienti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here