Esercizio, terapia manuale e utilizzo di terapie fisiche per l’artrosi al ginocchio.

1869
INTRODUZIONE
 

La terapia dell’esercizio è importante nella gestione dell’osteoartrosi del ginocchio (KOA) e alcune linee guida raccomandano l’applicazione dell’esercizio fisico per ridurre il dolore e migliorare la funzione nelle persone con KOA. Le raccomandazioni sulla terapia dell’esercizio comprendono l’allenamento della forza muscolare dell’estremità inferiori, la mobilità articolare e gli esercizi aerobici per superare le disabilità ritenute associate alla KOA. Sebbene esista un accordo generale in grado di ridurre il dolore e migliorare la funzione per le persone con KOA, le valutazioni sistematiche indicano che i benefici sono modesti con le dimensioni riportate dell’effetto per il dolore e per la funzione. Anche gli effetti benefici dell’esercizio fisico sembrano diminuire e potrebbero scomparire nel tempo. Sulla base delle evidenze attuali, è necessario migliorare gli effetti generali di trattamento per le persone con KOA e incorporare strategie che facilitino la manutenzione a lungo termine degli effetti benefici di trattamento.
Le tecniche di terapia manuale (MT) si combinano spesso con l’esercizio da parte di fisioterapisti per il trattamento del dolore e dei deficit funzionali nei pazienti con KOA. Alcuni studi riportano gli effetti benefici del trattamento per il dolore e la funzione quando la MT è combinata con l’esercizio. Un recente studio ha dimostrato che la MT è efficace, rispetto a nessuna MT, per l’esito funzionale riportato dal paziente. Al momento non ci sono forti raccomandazioni per o contro l’uso della MT come coadiuvante della terapia nelle linee guida a causa di risultati equivoci in letteratura. Ulteriori prove sono necessarie per convalidare le raccomandazioni per l’uso della MT per affrontare il dolore e il deficit funzionali in pazienti con KOA.

Per sostenere gli effetti favorevoli del trattamento ottenuti dalla terapia dell’esercizio, è stato raccomandato il follow-up clinico durante la terapia con la fornitura di sessioni di ausilio regolare. Una sessione di ausilio è un appuntamento periodico di follow-up che si verifica a diverse settimane / mesi dopo un corso di terapia sorvegliata. I fisioterapisti si incontrano faccia a faccia con i pazienti per esaminare i programmi correnti di riabilitazione, risolvere i problemi e formulare raccomandazioni per la progressione e / o la modifica del trattamento. Si ritiene che le sessioni di ausilio riducano al minimo le barriere che influenzano la progressione dei programmi indipendenti dei pazienti e servono a motivare la manutenzione del programma in modo che i benefici iniziali di trattamento possano essere conservati a lungo termine. Tuttavia, le prove di supporto sono limitate e in qualche modo contrastanti. Il lavoro preliminare degli autori di questo articolo (ACTRN12612000460808) ha indicato che l’utilizzo di sessioni di ausilio distribuite in varie sessioni di trattamento per periodi più lunghi può essere più efficace per mantenere gli effetti del trattamento rispetto che ricevere tutte le sessioni di trattamento in un periodo relativamente breve.

Gli obiettivi di questo test clinico randomizzato multicentrico hanno determinato se;

(1) gli effetti del trattamento differivano tra i partecipanti allo studio che hanno ricevuto la terapia dell’esercizio più la terapia manuale rispetto ai partecipanti che ricevono solo la terapia dell’esercizio

(2) la sostenibilità degli effetti del trattamento differisce tra i partecipanti che ricevono sessioni di ripetizione periodica con MT o senza MT rispetto ai partecipanti che non ricevono sessioni di ausilio periodiche per un anno.

METODI
 

Sono stati randomizzati per questo studio 300 partecipanti con ginocchio OA, in quattro gruppi: esercizi a corpo libero (Ex), esercizi con macchinari (Ex + B), terapia manuale + esercizi a corpo libero (MT + Ex), terapia manuale + esercizio con macchinari (MT + Es + B). L’esito primario era l’indice occidentale dell’Ontario e l’McMaster sull’osteoartrosi (WOMAC) a un anno. I risultati secondari includevano il dolore al ginocchio, i test fisici e alcuni criteri di risposta al trattamento.

RISULTATI
 

Non esistono differenze tra i gruppi sul WOMAC ad un anno o su qualsiasi misura basata sulle prestazioni. Le analisi secondarie hanno indicato:

a) migliori punteggi sul WOMAC e maggiore probabilità di essere un responder di trattamento a 9 settimane per i partecipanti che ricevono MT;

b) maggiore probabilità di essere un responder di trattamento ad 1 anno per i partecipanti che ricevono esercizi con macchinari. L’analisi di interazione esplorativa ha suggerito la diminuzione del dolore al ginocchio per i partecipanti che ricevono stimoli e incrementi per i partecipanti che non ricevono esercizi con macchinari da 9 settimane a 1 anno.

CONCLUSIONI
 

La terapia manuale o l’utilizzo di macchinari abbinati all’esercizio fisico non hanno portato ad un miglioramento additivo nell’esito primario ad un anno. Gli esiti secondari suggeriscono che la MT può avere qualche beneficio a breve termine e le sessioni di rinforzo possono migliorare lo stato di risposta e il dolore al ginocchio ad un anno. Tuttavia, il ruolo delle sedute di rinforzo non è chiaro nel sostenere gli effetti del trattamento e sono necessari ulteriori studi.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. Artrosi e Osteoporosi: relazione tra densità minerale ossea e artrosi.
  2. Effetti a breve termine del Taping sul senso della posizione comune, sulle misurazioni isocinetiche e sui parametri clinici nella sindrome del dolore femoro-rotuleo.
  3. Il Saline Load Test ha ancora un ruolo nel mondo ortopedico? Una revisione sistematica della letteratura.
  4. Home Page
terapie fisiche per l’artrosi al ginocchio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here