Modifica del test dello scivolamento laterale scapolare.

134

1. Introduzione

Il test dello scivolamento laterale scapolare (LSST) sviluppato da Kibler  è un metodo più disponibile e clinico per esaminare il posizionamento della scapola; pertanto, ulteriori sforzi per migliorare l’affidabilità di questo test sono più preziosi e fanno sì che il test sia più clinico.

L’alterazione della posizione scapolare durante i movimenti della spalla è comunemente associata a lesioni che creano disfunzione clinica della spalla. Negli sport aerei in cui le richieste poste sulla spalla sono estremamente elevate, la cinematica scapolare anormale è più comunemente coinvolta.

L’affidabilità del test dello scivolamento laterale scapolare è stata esaminata in molti studi precedenti, ma i risultati non sono stati soddisfacenti e hanno mostrato risultati controversi a 90 gradi di abduzione, in particolare. Shadmehr et al. hanno riportato punteggi ICC mediocri (0,63) in questa posizione per l’affidabilità dell’interazione in pazienti con disfunzioni diverse della spalla . D’altra parte, da Costa et al. hanno dimostrato che, a 90 gradi di elevazione nel piano scapolare, l’affidabilità dell’interferente era equa (ICC = 0,74) e l’affidabilità intrarater era buona (ICC = 0,85). Struyf et al. hanno determinato scarsa affidabilità dell’interattore per 90 gradi di abduzione con 1 kg di carico (ICC = 0,63) nei musicisti.

Per quanto riguarda l’equa affidabilità nella posizione funzionale della scapola, sembra che, aggiungendo il carico in questa posizione, il suo ruolo funzionale sia meglio determinato e questa modifica possa portare a risultati più soddisfacenti rispetto allo studio di Struyf che ha aggiunto il carico alla posizione di abduzione. Si ipotizza che il posizionamento scapolare abbia una relazione diretta con le prestazioni muscolari nei giocatori di pallacanestro che effettuano lanci dall’alto. Inoltre, le alternanze cinematiche nel movimento scapolare sono state collegate a patologie della spalla. Di conseguenza, i giocatori di pallacanestro sono adatti per valutare gli effetti del carico sulla cinematica scapolare.

Pertanto, l’obiettivo principale del presente studio era quello di determinare l’affidabilità del test dello scivolamento laterale nel piano scapolare con vari carichi nei giocatori di pallacanestro.

2. Materiali e metodi

Si tratta di uno studio trasversale, prospettico e ripetuto, di trenta atleti con due esaminatori in due sessioni. Trenta giocatori di basket maschi sani, tra i 20 e i 31 anni, sono stati reclutati da tre squadre di basket. Prima di partecipare a questo studio, tutti gli atleti hanno firmato un modulo di consenso informato. Questo studio è stato approvato dal comitato etico dell’Università di Scienze Mediche di Teheran (TUMS).

I criteri di inclusione per i partecipanti erano: la capacità di eseguire attivamente 90 e 180 gradi di abduzione scapolare e una completa rotazione interna della spalla, l’età di 20-40 anni e un minimo di 2 anni di esperienze sportive o 3 o 4 sessioni di allenamento a settimana nel basket. Gli atleti sono stati esclusi se avessero avuto i seguenti problemi: precedente intervento chirurgico alla spalla, lesioni da uso eccessivo, anamnesi di malattie sistemiche e disfunzioni neuromuscolari.

In questi esperimenti sono stati utilizzati un calibro digitale Vernier con una precisione di 0,01 mm (Mitotuyo Company, Giappone), un goniometro con braccio estensibile (Lafayette Instrument Company, USA) e pesi-manubri da 1, 2 e 4 kg. Sono state misurate le informazioni demografiche tra cui età, massa, altezza e indice di massa corporea (BMI) e sono state fornite le relative domande. Per determinare il piano della scapola, i giocatori di pallacanestro stavano davanti all’angolo della parete su una piastra di riferimento con i segni per i piedistalli e una linea di riferimento su di essa. Per determinare i 90 e 180 gradi di abduzione della spalla, sono state impostate diverse parti di un goniometro come segue: un braccio fisso estensibile è stato impostato insieme alla linea esterna del corpo; l’albero del goniometro era sotto la parte esterna dell’acromion con una distanza di 2 cm e il braccio mobile parallelo all’asse del braccio degli atleti a 90 o 180 gradi. Poiché potrebbero esserci delle differenze nella lunghezza dell’estremità superiore del partecipante, è stato esteso il braccio mobile estensibile del goniometro fino al muro e contrassegnato i punti di attraversamento con dei marker su di esso. Questo è stato fatto a 90 e 180 gradi di movimento per entrambi gli arti superiori separatamente. Agli atleti è stato chiesto di mantenere gli arti superiori compatibili con questi marcatori. Questi indicatori sono stati posizionati sulla parete in un modo in cui facevano 40 gradi con il piano frontale del corpo per guidare gli atleti insieme al piano della scapola.

Nella prima posizione del test (P1), gli arti superiori erano appesi a fianco del corpo e l’esaminatore misurava la distanza meno lineare tra il processo spinoso T7 e l’angolo inferiore della scapola in ordine di 0,01 mm usando un calibro digitale (Mitutoyo Corporation, Giappone) (Figura 1). Nella seconda posizione del test (P2), gli arti superiori erano a 90 gradi di abduzione con rotazione interna delle braccia e l’esaminatore ha trovato il processo spinoso T7 e l’angolo inferiore della scapola; poi, si è misurata la distanza meno lineare tra loro usando il calibro su entrambi i lati. Nella terza posizione del test (P3), all’atleta è stato chiesto di mantenere i suoi arti superiori a 90 gradi di abduzione con rotazione interna della spalla (insieme ai marker citati) senza avere un peso nelle sue mani. Quindi pesi da manubrio da 1, 2 e 4 kg sono stati dati agli atleti nella quarta (P4), quinta (P5) e sesta (P6) posizione del test, e gli è stato chiesto di mantenere gli arti superiori a 90 gradi di abduzione con rotazione interna della spalla (insieme ai marker citati) mantenendo i pesi. 1 (b) e 1 (c) ). Nella settima posizione del test (P7), agli atleti è stato chiesto di tenere fisso il loro tronco e di alzare le braccia insieme ai marcatori messi sul muro, senza avere pesi in mano e il più lontano possibile. In questa condizione l’esaminatore ha misurato le distanze scapolari menzionate usando la pinza (Figura 1 (d) ).

Tutte le misurazioni di cui sopra sono state fatte da due esaminatori esperti selezionati a caso con la SM a intervalli di 5 minuti (interrazziale). Prima di iniziare i test, gli esaminatori erano qualificati per trovare i punti di riferimento e utilizzare il calibro nelle misurazioni in tempo utile e nel club sportivo. C’è stata una pausa di 30 secondi tra due test consecutivi. Ogni esaminatore ha registrato separatamente i risultati in fogli separati senza parlare con gli altri esaminatori del test e dei suoi risultati. Uno degli esaminatori ha ripetuto i test dopo una settimana esattamente nei tempi dei test precedenti (intrarater).

3. Risultati

Nel presente studio, le credenziali inter-e intrarater della MLSST sono state determinate in giocatori di pallacanestro sani. La Tabella 1 mostra le caratteristiche demografiche dei partecipanti coinvolti in questo studio.

Il ICC intrarater e interrater (misure singole e medie), IC 95% e SEM sono presentati nella Tabella 2 . Nelle posizioni P1 e P6, i punteggi ICC indicavano un alto livello di affidabilità per l’intrarater (0,94 e 0,90, risp.), come massima affidabilità. Nella posizione P2, i punteggi ICC hanno mostrato un buon livello di affidabilità per l’intrarater (0,79), come l’affidabilità minima.

4. Conclusione

In generale, questo studio ha dimostrato che l’applicazione dei carichi in posizione di abduzione con rotazione interna del LSST può migliorare l’affidabilità del test negli uomini sportivi. L’abduzione con carico, come posizione funzionale negli atleti in testa, è un posizionamento affidabile e può essere sostituito con la terza posizione del LSST tradizionale. Tuttavia, questo studio era una ricerca pilota e preliminare su atleti sani, e ha studiato l’effetto di vari carichi sull’affidabilità di MLSST in essi ed è necessario fare studi complementari affinché i risultati siano utili per i pazienti. Inoltre, studi futuri con soggetti diversi possono beneficiare del caricamento in abduzione. Si raccomanda di esaminare queste posizioni in un altro gruppo atletico usando pesi (specialmente con pesi di 2 e 4 kg) per impegnare più muscoli.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. Asimmetria scapolare e test dello scivolamento laterale scapolare.
  2. Il test di scivolamento laterale scapolare: correlazione tra l’asimmetria scapolare e le differenze nell’attività dei muscoli adiacenti alla scapola.
  3. Test clinici della spalla: parte 1.
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here