Sindrome da stress tibiale mediale: i 5 fattori di rischio.

250

INTRODUZIONE

La sindrome da stress tibiale mediale (MTSS) è una condizione comune negli individui attivi, compresi gli atleti e il personale militare. La sindrome da stress tibiale mediale si presenta come dolore diffuso lungo il bordo posteromediale della tibia associato all’attività. Sebbene i sintomi della sindrome da stress tibiale mediale si trovino all’interfaccia della fascia crurale e dell’osso, vi è evidenza che l’MTSS sia associato a specifici cambiamenti ossei.

La nomenclatura per la sindrome da stress tibiale mediale ha incluso storicamente termini quali stinesteriche, sindrome tibiale mediale, sindrome da stress tibiale e sindrome di soleo. In questa revisione sistematica, la sindrome da stress tibiale mediale è stata definita come comprendente 3 caratteristiche:

(1) dolore lungo il confine posteromediale della tibia;

(2) dolore diffuso;

(3) dolore correlato all’attività.

Negli ultimi 2 decenni, si è registrato un aumento della prevalenza dell’obesità negli Stati Uniti, con un concomitante aumento delle patologie associate a malattie croniche, tra cui il diabete di tipo II, le malattie cardiache e gli ictus. Benché i benefici per la salute dell’attività fisica nell’affrontare queste condizioni siano ben noti, l’attività fisica può comportare condizioni di uso eccessivo come l’MTSS. L’incapacità di prevenire con successo la sindrome da stress tibiale mediale è un riflesso della nostra comprensione limitata dei fattori di rischio. Lo scopo di questa revisione sistematica è stato quello di identificare gli studi trasversali, caso-controllo e di coorte che includessero dati sul rischio di sviluppare una MTSS e di utilizzare una meta-analisi per identificare i fattori di rischio significativi in ​​tutti quegli studi.

Estrazione dati

Titoli e abstract sono stati esaminati per eliminare citazioni che non soddisfacevano i criteri di inclusione. Le caratteristiche dello studio identificate a priori sono state estratte per l’analisi dei dati. L’eterogeneità statistica è stata esaminata utilizzando l’ indice I 2 e il test Q di Cochran e un modello a effetti casuali è stato utilizzato per calcolare la meta-analisi quando 2 o più studi hanno esaminato un fattore di rischio. Due autori hanno valutato indipendentemente la qualità dello studio.

Risultati

Ottantatre articoli soddisfano i criteri di inclusione e 22 articoli includevano i dati sui fattori di rischio. Dei 27 fattori di rischio che erano in 2 o più studi, 5 fattori di rischio hanno mostrato un significativo effetto combinato e bassa eterogeneità statistica, tra cui sesso femminile (odds ratio [OR], 2,35, IC, 1,58-3,50), aumento di peso (standardizzato differenza [SMD], 0,24; CI, 0,03-0,45), più alto drop navicolare (SMD, 0,44; CI, 0,21-0,67), precedente lesione in corso (OR, 2.18; CI, 1.00-4.72) e maggiore rotazione esterna dell’anca con l’anca in flessione (SMD, 0,44; CI, 0,23-0,65). I restanti fattori di rischio hanno avuto un effetto congiunto non significativo o un significativo effetto combinato con elevata eterogeneità statistica.

Conclusione

Il sesso femminile, l’aumento di peso, la caduta navicolare più elevata, il precedente infortunio legato alla corsa e una maggiore rotazione esterna dell’anca con l’anca in flessione sono fattori di rischio per lo sviluppo della sindrome da stress tibiale mediale.

English Abstract

Full English Version PDF

Potrebbe interessarti:

  1. Trattamento manipolativo osteopatico preventivo e incidenza delle fratture da stress in atleti.
  2. Sindrome da stress tibiale mediale: possibili cause muscolari.
  3. Mobilizzazione tibio-femorale nella sindrome del dolore femoro-rotuleo: case report.
  4. Ultimi articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here